Mutui cocktail o mutui a tasso miscelato

L’importo da rimborsare è diviso in due parti, una verrà rimborsata seguendo il tasso fisso e l’altra il tasso variabile.

La suddivisione è decisa dal cliente esempio: 60% da coprire a tasso variabile e 40% a tasso fisso.

Difficile trovare oggettivi vantaggi o svantaggi essendoci in gioco troppe variabili che influiscono sulla rata.

Per questo è una delle forme più confuse di mutuo che non riesce a sfruttare al massimo le possibilità offerte dal tasso fisso o variabile